A chi tocca, nun se ingrugna.

PAURA, oramai è questa la parola che viene più volte pronunciata da noi e che abbiamo nella nostra mente.
Paura per quello che sta accadendo, per quello che ci aspetta, per come sarà la nostra vita futura.
Questa sensazione penso che ci resterà ancora a lungo. ma dobbiamo uscirne!
(A chi tocca, nun se ingrugna.)
In romanesco significa che a chi capita non se la deve prendere, ora io dico che dopo che abbiamo imparato a vivere con questo sentimento possiamo affrontare i prossimi giorni con consapevolezza e comportarci in modo responsabile.
Dobbiamo fare ripartire il paese, rimetter in moto l’economia tutto deve andare avanti.

Se, faccio un esempio, il parrucchiere non lavora non compra le scarpe se quello che vende le scarpe non guadagna non compra i vestiti ecc…tutti noi queste cose le sappiamo, allora è ora che il nostro governo, che sta facendo un lavoro molto difficile metta in atto tutte le tutele sanitarie di accoglienza e assistenza per possibili e ci lasci vivere.

Io sono un soggetto a rischio perché ho superato da un po la settantina, ma come dicevo (a chi tocca, nun se ingrugna).

Claudio

Share This